Il Museo del Metaverso (Museo del Metaverso - MdM) nasce in Second Life nel 2007 e nel 2010 si trasferisce definitivamente a Craft in Opensim, dove tuttora è operativo.

L'attività di MdM si contraddistingue per un nuovo modo di presentare e promuovere l'arte attraverso laboratori, immagini, testi, video e performance, ma anche per le tante iniziative organizzate in-world e in location reali.

MdM opera in Craft con lo scopo di dare sempre nuova vita al progetto, salvandolo  dal silenzio e dall'oblio, inevitabili se nessuno si assumerà il compito di scrivere sempre nuovi capitoli di una storia che non ha ancora previsto la parola fine, prendendo spunto da quanto abbiamo fatto in passato per realizzare nuove esperienze in futuro.

MdM ha sempre mirato a  un progetto collaborativo all'interno dei suoi campi di interesse, facendo un'unica entità di diversi progetti culturali dall'architettura contemporanea al design; dalla letteratura ai convegni.

Attualmente è di nuovo attiva la collaborazione con Velazquez Bonetto (Laszlo Oerdogh Diabolus), fondatore in Second Life di C.A.R.P. (Cybernetic Art Research Project). CARP e MdM sono uniti in partnership ed insieme hanno realizzato e realizzeranno molte iniziative importanti in Craft World.

 

Il Museo del Metaverso si è sempre distinto per  innovazione e creazioni crossmediali, intendendole come vettori di idee e temi innovativi attraverso diversi media e nel mondo fisico. Tutto  si concretizza in mostre d'arte, spettacoli, concerti, conferenze, convegni, corsi di formazione, avvalendosi di tutte le partnership che si è in grado di instaurare.

Dallo spirito collaborativo nasce un progetto sociale, sviluppato da una comunità di persone motivate ed entusiaste. Per ottenere i risultati sopra descritti, sono necessarie le seguenti cose:

1) la formazione di una comunità di artisti e persone di buona volontà amanti dell'arte e della cultura e dotati di competenze specifiche;

2) la gestione di  una o più isole in OpenSim al fine di creare un ambiente idoneo; l'isola sarà un laboratorio, ambientato come uno studio televisivo, dove realizzare le cose; sarà anche il sito per eventuali incontri se non possono essere fatti via web; sarà inoltre un luogo dove le persone della comunità plasmano il progetto.

Attualmente, diverse isole sono a disposizione del Museo del Metaverso in Craft World, dove il museo ha molte location con mostre passate presenti che devono essere messe in rete;  lo stiamo facendo mediante un Hud che Velazquez Bonetto proprio in questi giorni sta mettendo a punto per porre in relazione tutti i siti del Museo del Metaverso e di CARP.

Il Museo è un marchio.

3) abbiamo gli spazi web, come il sito web,  il gruppo e la pagina su Facebook (https://www.facebook.com/groups/museometaverso/), il canale YouTube e il vecchio blog (http://museodelmetaverso.blogspot.it/) , flickr con tutti i vantaggi che i social possono offrire. L'open source sarebbe un requisito specifico del progetto, tuttavia non è più possibile avere tutti gli spazi web gratuiti, pertanto un costo lo si deve comunque sostenere.

 

Collaborazioni: Un progetto come questo necessita di competenze specifiche diverse, dal critico d'arte al sociologo, dal guru di Internet all'autore di testi, dall'insegnante allo studente, dal regista al web master e  all'attore, dal talentuoso costruttore e sceneggiatore, ultimi ma non meno importanti, creativi, artisti, fotografi, designer.

 

Per progetto innovativo si intende un progetto in cui si utilizzano i nuovi media e le risorse della rete: canali YouTube, streaming gratuito, Twitter, Facebook, Flickr, Pinterest,  Google Maps e le migliaia di applicazioni disponibili per i nostri smartphone.

English

 

 

The Museo del Metaverso (Museo del Metaverso - MdM) was born in Second Life in 2007 and in 2010 a Craft moved permanently to Opensim, where it is still operational.

 

 

The activity of MdM is characterized by a new way of presenting and promoting art through workshops, images, texts, videos and performances, but also for the many initiatives organized in-world and in real locations.

 

MdM operates in Craft with the aim of always giving new life to the project, saving it from silence and oblivion, inevitable if no one takes on the task of always writing new chapters of a story that has not yet foreseen the end, taking a cue from what we have done in the past to create new experiences in the future.

 

MdM has always aimed at a collaborative project within its fields of interest, making a single entity of different cultural projects from contemporary architecture to design; from literature to conferences. Currently the collaboration with Velazquez Bonetto (Laszlo Oerdogh Diabolus), founder of Second Life of C.A.R.P. (Research project on cybernetic art).

 

CARP and MdM are united in partnership and together they have realized and will carry out many important initiatives in Craft World.

 

The Museo del Metaverso has always stood out for innovation and cross-media creations, meaning them as vectors of innovative ideas and themes through different media and in the physical world.

Everything takes the form of art exhibitions, shows, concerts, conferences, conventions, training courses, making use of all the partnerships that we are able to establish.

From the collaborative spirit a social project is born, developed by a community of motivated and enthusiastic people.

To achieve the results described above, the following things are needed:

1) the formation of a community of artists and people of good will who love art and culture and have specific skills; 2) the management of one or more islands in OpenSim in order to create a suitable environment; the island will be a laboratory, set as a television studio, where things can be done; it will also be the site for any meetings if they cannot be made via the web; it will also be a place where people from the community shape the project.

 

Currently, several islands are available to the Metaverse Museum in Craft World, where the museum has many locations with past exhibits present that need to be networked;

we are doing it using a Hud that Velazquez Bonetto is developing in these days to relate all the sites of the Metaverse Museum and CARP.

The Museum is a brand.

 

3) we have the web spaces, such as the website, the group and the page on Facebook (https://www.facebook.com/groups/museometaverso/), the YouTube channel and the old blog (http: // museodelmetaverso. blogspot.it/), flickr with all the advantages that social media can offer.

 

Open source would be a specific requirement of the project, however it is no longer possible to have all the free web spaces, therefore a cost must still be incurred.

 

Collaborations: A project like this requires different specific skills, from the art critic to the sociologist, from the Internet guru to the author of texts, from the teacher to the student, from the director to the web master and actor, from the talented builder and scriptwriter, last but not least, creatives, artists, photographers, designers.

 

By innovative project we mean a project in which new media and network resources are used: YouTube channels, free streaming, Twitter, Facebook, Flickr, Pinterest, Google Maps and the thousands of applications available for our smartphones.